Sindrome di Asperger: Cos’è questa condizione difficile da diagnosticare

Ecco cos'è la Sindrome di Asperger, una condizione che emerge di solito con maggiore evidenza durante l'adolescenza e che non viene spesso riconosciuta.

0
144
sindrome di asperger

L’autismo comprende tutta una serie di condizioni, spesso davvero difficili da diagnosticare. Una di queste è sicuramente la Sindrome di Asperger (SA), un disturbo che viene talvolta confuso con la schizofrenia, con il disturbo schizotipico, con il disturbo schizoide, con la fobia sociale, con il disturbo evitante di personalità e con altri tipi di patologie.

Per Asperger si intende un disturbo che condiziona le interazioni sociali e che dà vita a interessi, a comportamenti e ad attività ripetitive, nonostante lo sviluppo cognitivo del soggetto interessato e la sua capacità di linguaggio siano nella norma.

Tra i segni principali dell’Asperger vi sono la goffaggine motoria, la presenza di interessi speciali, l’inadeguatezza nel modo di relazionarsi con i coetanei. Vi è una difficoltà a comprendere i comportamenti sociali e affettivi, mentre il modo di comportarsi dei soggetti affetti di Asperger può apparire inadeguato.

Gli interessi nutriti sono molto simili tra loro e aderiscono facilmente a una routine. Tendono a studiare le cose in modo meccanico e spesso godono di un’ottima memoria, che permette loro di soffermarsi soprattutto sui particolari e sui dettagli.

Utilizzano un linguaggio spesso pedante, iperformale, logorroico quando si toccano i temi di interesse, mentre non riescono allo stesso modo a mantenere viva la conversazione, quando si tratta di ascoltare gli altri. La goffaggine motoria si evidenzia soprattutto negli sport che necessitano di particolare destrezza, mentre i soggetti che soffrono di Asperger possono risultare talentuosi in sport ripetitivi come la corsa, il nuoto o la marcia.

Quando si esprimono tendono a farlo con molta sincerità e schiettezza e per tale ragione spesso possono apparire maleducati e rudi. Allo stesso modo non controllano bene la mimica facciale e le espressioni: possono fare smorfie inadeguate a quanto stanno facendo o dicendo e per questo causano confusione nelle persone che stanno loro intorno.