Sindrome del colon irritabile: le cause della patologia

Ecco le possibili cause della sindrome del colon irritabile, una patologia della quale non si conoscono tuttora le cause, ma su cui i ricercatori studiano.

0
125
sindrome del colon irritabile

Molte persone sono affette dalla sindrome del colon irritabile senza esserne a conoscenza. Spesso, la patologia viene scoperta durante le visite mediche e gli esami delle feci, anche se i ricercatori non hanno ancora scoperto alcuna causa specifica della sindrome del colon irritabile.

Chi soffre della sindrome del colon irritabile ha un colon, o intestino crasso, particolarmente sensibile e reattivo a determinati alimenti e allo stress. Anche il sistema immunitario, che combatte le infezioni, potrebbe essere coinvolto. Mangiare alimenti particolarmente irritanti, essere sottoposti a un periodo di stress più o meno forte e non riuscire a reagire adeguatamente può portare l’organismo ad accusare il colpo e a soffrire della sindrome del colon irritabile.

In un paziente affetto dalla sindrome del colon irritabile i fluidi corporei sembrano muoversi troppo velocemente all’interno del colon, portando l’intestino crasso a perdere la capacità di assorbirli in maniera adeguata. La conseguenza è che le feci risulteranno troppo liquide o troppo scure rispetto al normale. In altri pazienti, invece, sembrerebbe avvenire l’esatto contrario, sviluppando costipazione.

In poche parole è sfasato il rapporto tra intestino crasso e fluidi e il colon reagisce in modo anomalo. Una delle cause del colon irritabile potrebbe essere la serotonina, che è connessa alla normale funzionalità gastrointestinale. Si tratta di un neurotrasmettitore, cioè di una sostanza chimica in grado di trasmettere i messaggi da una parte all’altra dell’organismo. I pazienti affetti dalla sindrome del colon irritabile presentano una diminuzione dell’attività dei recettori, che si traduce in livelli anormali di serotonina.

La sindrome del colon irritabile potrebbe essere causata anche da un’infezione batterica dell’apparato digerente. Chi ha la gastroenterite, ad esempio, è più predisposto a sviluppare la sindrome del colon irritabile. Anche chi ha la celiachia potrebbe avere la sindrome del colon irritabile, visto che la difficoltà di digestione della sostanza presente nel grano, nella segale e nell’orzo potrebbe irritare l’intestino.