Tumore del fegato. Nuovi trattamenti che fanno sperare a una guarigione definitiva.

Si chiama carcinoma epatocellulare e si trova al quarto posto come causa di morte per neoplasia maligna negli individui fra i 50 e i 69 anni.

0
106
tumore al fegato

Il Prof. Mario Rizzetto, esperto dell’Università degli Studi di Torino e altri specialisti di valore nella lotta all’epatocarcinoma, il tumore maligno più frequente del fegato, si sono confrontati al Lingotto a Torino.

Grandissimi passi avanti sono stati compiuti dalla comunità medica e dal mondo scientifico, per sconfiggere il tumore del fegato, chiamato anche tumore silenzioso, ma c’è ancora molto da fare in termini di prevenzione e cura.

Oggi esistono varie opzioni per il trattamento del tumore che dipendono dalle sue dimensioni e dalla sua posizione nel fegato.

Vi sono la radiofrequenza, la chemioemobolizzazione e la radioembolizzazione.
Nelle forme molto estese del tumore in pazienti con funzionalità epatica discreta, vi è la terapia mirata con il Sorafenib e il recente Regorafenib che bloccano o addirittura diminuiscono la massa tumorale.

Anche se si tratta di un nemico grande da combattere, i mezzi ci sono per eliminarlo definitivamente.