Sordità e ipoacusia causate spesso da auricolari, cuffie, ma anche da rumori nei luoghi di lavoro

Allarme del Dipartimento di Neuroscienze e Organi di Senso dell’Università di Padova. La perdita di udito non curata può compromettere la memoria.

0
221
sordità

Al Parlamento Europeo verrà presentato uno studio internazionale. Dimostrerà come la perdita di udito non curata, causa un’atrofia di alcune zone corticali con un maggiore rischio di soffrire di Alzheimer».

Il professor Martini del Dipartimento di Neuroscienze e Organi di Senso dell’Università di Padova ci informa che la perdita di udito non curata può condizionare le attività quotidiane, portando il soggetto a isolarsi. Se non si ricorre ad apparecchi specifici, a lungo andare può causare danni neurologici come l’Alzheimer, del 21% e di depressione del 43%.

L’udito può essere compromesso a causa della musica troppo alta e dall’utilizzo continuo di cuffie da parte dei giovani. Gli adulti, solitamente hanno subito un trauma sul lavoro, non avendo rispettato le norme di sicurezza.

Si può risolvere il problema con l’utilizzo di apparecchi acustici o con un intervento per riparare l’orecchio dai danni subiti.

Nei casi più gravi si ricorre all’impianto cocleare.