Cervello di maiale tenuto in vita dopo la morte per 36 ore

Grazie a un esperimento dell'Università di Yale viene messo in discussione ciò che si è sempre ritenuto fin ora e cioè che il cervello muore con il paziente.

0
293
cervello di maiale

Si tratta di un grande passo in avanti nel campo delle neuroscienze, poiché si ha la possibilità di studiare malattie come i tumori cerebrali e l’Alzheimer.

I ricercatori dell’Università di Yale, hanno effettuato un esperimento su 200 cervelli di maiali tenuti in vita per 36 ore fuori dal corpo degli animali.

Questi organi sono stati rianimati con una nuova tecnica di irrorazione sanguigna. Controllata la loro attività con l’elettroencefalogramma, si è evidenziata un’onda cerebrale piatta come in stato di coma.  ma i neuroni sono risultati attivi.

Questi risultati sono un passo importante verso lo studio del cervello e con la ricerca si può andare oltre a quanto si possa mai immaginare.