Carbone vegetale: I benefici e le controindicazioni di questo prodotto

Ecco cos'è il carbone vegetale, a cosa serve e quali sono le possibili conseguenze di questo prodotto naturale molto di tendenza in questo ultimo periodo.

0
254
carbone vegetale

Soprattutto negli ultimi anni, il carbone vegetale è diventato una vera e propria tendenza. Le sue proprietà sono state recentemente riscoperte e questo alimento viene utilizzato per molteplici usi, che riguardano in special modo l’estetica e la salute.

Il carbone vegetale, detto anche carbone attivo o attivato, è una polvere nera, inodore e insapore che si ottiene dalla combustione senza fiamma di legna di pioppo, salice o betulla, di segatura o gusci di frutti. Il carbone vegetale è disponibile in commercio in polvere o sotto forma di compresse.

Il carbone vegetale può essere usato per contrastare il gonfiore addominale, l’aerofagia e il meteorismo. Agisce riuscendo ad attirare i gas intestinali in eccesso e diminuendo i dolori causati da tali disturbi. Ecco i suoi principali utilizzi:

  • Acidità di stomaco: Il carbone vegetale riesce a trattenere i succhi gastrici in eccesso causati dal reflusso, che provano spesso bruciore e irritazione.
  • Diarrea: Il carbone vegetale riesce anche ad agire contro questo disturbo intestinale, bloccando i liquidi e compattando le feci.
  • Colon irritabile: Si tratta di un valido rimedio anche contro questa patologia cronica.
  • Alitosi: L’alitosi può essere causata da vari motivi. Uno dei motivi dell’insorgenza dell’alito cattivo sono i batteri presenti nel cavo orale. Il carbone vegetale ha un’azione antibatterica, che agisce anche sull’alito cattivo.
  • Avvelenamento: Non tutti lo sanno ma il carbone vegetale è indicato anche per il trattamento di intossicazioni alimentari e lievi avvelenamenti.

Vista la sua capacità assorbente, è sconsigliato utilizzare il carbone vegetale durante periodi di assunzione di medicinali. Come riesce a limitare le conseguenze di liquidi, gas e batteri, infatti, può diminuire l’efficacia dei farmaci. Inoltre, è assolutamente sconsigliato abusare di carbone vegetale e di assumerlo senza un previo consulto dal proprio medico curante. Una delle possibili controindicazioni del carbone vegetale, ad esempio, potrebbe essere la stitichezza o il mancato assorbimento di importanti nutrienti.