Andropausa: Cos’è, quali sono i sintomi e come mai si manifesta

Ecco cos'è la menopausa maschile, l'andropausa, quali sono le sue conseguenze ormonali nell'uomo e i motivi per i quali si manifesta.

0
426
andropausa

L’andropausa (colloquialmente nota anche come menopausa maschile) non è altro che una sindrome clinica a lunghissimo decorso, che è provocata dal progressivo calo dell’ormone testosterone. Tale calo può condurre a una condizione nota come ipogonadismo, cioè un’inadeguata secrezione degli ormoni sessuali da parte dei testicoli.

L’andropausa è una condizione della quale non si parla molto neppure tra gli uomini, eppure è scientificamente provato che dopo circa 30 anni di età il testosterone tenda ad abbassarsi gradualmente, diminuendo i suoi effetti e successivamente la sua protezione da malattie come il diabete mellito, l’osteoporosi e alcune tra le più diffuse patologie cardiovascolari.

L’andropausa, come la menopausa femminile, causa il manifestarsi di tutta una serie di sintomi, come un particolare stato di irritabilità o di depressione, che può condurre a una somatizzazione degli effetti su tutto il proprio fisico.

L’andropausa e l’ipogonadismo, nonostante siano molto simili e spesso uno sia la conseguenza diretta dell’altro, hanno significati diversi. L’andropausa indica il progressivo abbassamento dei livelli di testosterone che avviene con l’avanzare degli anni, mentre l’ipogonadismo indica la carenza di testosterone in sé, a prescindere dall’età. Si può soffrire di ipogonadismo, infatti, anche in giovane età, ma non di andropausa.

Vanno in andropausa i soggetti che superano i 50 anni circa (7% dei casi) fino ad arrivare agli 80 (35% dei casi). Questa distanza di ben 30 anni dipende senza dubbio dallo stile di vita condotto dai soggetti uomini: il fumo di sigaretta, ad esempio, è il fattore che più lo influenza negativamente e che quindi anticipa la condizione. Se la menopausa femminile avviene nel giro di un paio d’anni, l’andropausa, al contrario, non avviene in maniera netta e veloce, ma in maniera lenta e progressiva.

L’andropausa si evolve in maniera talmente tanto lenta, da lasciare che la comunità scientifica discuta ancora sulla sua effettiva esistenza. Fra i sintomi dell’andropausa compaiono la difficoltà a urinare, la difficoltà a raggiungere l’erezione e la difficoltà a produrre il liquido seminale, che viene rilasciato in minor quantità e che è potenzialmente meno fertile.