Low poo: I benefici di questa tecnica di shampoo per capelli

Cos'è il low poo e perché sono molte le celebrity che usano questa tecnica di lavaggio, consigliata ormai anche dagli esperti.

0
198
low poo

Negli ultimi anni ne abbiamo sentite davvero di tutti i colori: persone che si lavano i capelli con lo zucchero, altre semplicemente con l’acqua, altre ancora con alcune sostanze sconosciute ai più, che sembrerebbero rimpiazzare ampiamente i comuni shampoo in uso.

Arriva un’altra tendenza di bellezza che apporterebbe numerosi benefici ai capelli e che sta letteralmente spopolando tra le celebrity. Si tratta del low poo, una tecnica di lavaggio per i capelli che ammetterebbe il consumo di una ridotta quantità del prodotto pulente, lo shampoo.

Anche secondo gli esperti, evitare di utilizzare troppo shampoo farebbe soltanto bene alla chioma, che ne trarrebbe sicuramente beneficio. Questo perché la maggior parte degli shampoo tradizionali contiene tensioattivi solfati (in etichetta vengono denominati come SLS e SLES). Si tratta di sostanze non nocive e assolutamente ammesse, che hanno il fine di creare schiuma, in modo da pulire più in fretta e più facilmente la cute.

Tuttavia, un abuso di queste sostanze non farebbe altro che disidratare le ciocche, rendendole più crespe e secche, e irritare il cuoio capelluto, provocando desquamazioni, prurito, infiammazione. A usare il low poo sono molte tra le celebrity, fra cui la cantante Adele, la cantautrice Lorde, le attrici Amanda Seyfried, Eva Longoria, Jennifer Aniston, Jessica Simpson. Tra gli uomini troviamo anche Robert Pattinson.

Cosa fare, dunque, per usufruire dei benefici del low poo? Sicuramente evitare gli shampoo che contengono SLS e SLES, che comunque andrebbero usati di tanto in tanto per portare a termine una pulizia completa della cute, oppure usarne in quantità davvero ridotte, giusto per eliminare la quantità di sebo in eccesso.

Alternative agli shampoo aggressivi possono essere i balsami molto leggeri, utilizzati per il co-washing, oppure i low shampoo, cioè quelli che nella formula dell’INCI non mostrano la presenza dei tensioattivi solfati, ma solo quella degli emulsionanti, che rendono il prodotto cremoso e piacevole da usare.